Feierabend al Wipkinger Park

Carissimi amici di ZIGSS,

il 22 Giugno dalle 18:30 ci troviamo al Wipkinger Park per distenderci dopo una lunga giornata di studio e lavoro. Ognuno venga equipaggiato di bevande / birre / snacks / aperitivi / spuntini come meglio crede.
Segnatevi la data e venite numerosi! Sarà una bella occasione per fare conoscenza e scambiare due chiacchiere in un’atmosfera rilassata.
P.S. In caso di pioggia o maltempo, ci troveremo invece al BqM, il locale sotto la Polyterrasse dell’ETH Zentrum.

Alberto, Giuseppe, Marco e Eugenio

Ristrutturazione della Casa d’Italia di Zurigo

Cari Tutti,

Stasera (23.05.2017) abbiamo partecipato come associazione ad un incontro formativo sulla Casa d’Italia di Zurigo con il Console Giulio Alaimo. Come immagino saprete, si tratta di uno spazio di proprietà dello Stato Italiano ed è dedicato alla promozione della cultura italiana in Svizzera e al supporto alle comunità locali. In questo senso rappresenta un punto d’appoggio per molte associazioni, tra cui ZIGSS.

Durante l’incontro si è parlato della necessità di una ristrutturazione dell’edificio, che risale agli Anni Trenta, che comporterà come comprensibile disagio la sua chiusura per i prossimi tre anni, a partire dal 7 Luglio 2017. I lavori copriranno una spesa complessiva di 10 milioni di Euro da parte dello Stato Italiano.

Il Console ha puntualizzato inoltre alcuni cambiamenti che saranno presenti al termine dei lavori:

  • La Casa d’Italia sarà sottoposta a vincolo architettonico a causa del valore storico non solo dell’edificio ma anche del fatto di essere un riferimento per gli immigrati italiani in Svizzera e come riconoscimento del valore di questa immigrazione
  • La Casa d’Italia diventerà una struttura consolare (vigerà quindi la legge italiana al suo interno)
  • La scuola italiana sarà mantenuta ma probabilmente verrà ripartita in altre strutture
  •  Non c’è nessuna assicurazione per quanto riguarda la permanenza del bar/ristorante

Per concludere riportiamo l’impegno delle istituzioni a fare in modo che la vita delle comunità italiane di Zurigo rimanga viva e attiva anche senza un punto di ritrovo durante questo lasso di tempo.